Contattaci SUBITO!
Saremo immediatamente a tua disposizione per rispondere ad ogni tua richiesta o domanda!

(+39) 320 11 60 564 Viale Europa, 4 - Ponte S. Nicolò (PD) Lun-Ven 8.30-21.00, Sab 09.00-17.00, Dom CHIUSO
SEGUICI
Image Alt

BeAktive

Allenamento al femminile e infiammazione

Nell’universo femminile domina il timore di allenarsi con i pesi. Il motivo è legato sia all’aspetto psicologico, sia a quello estetico: in parole semplici, la donna ha paura di sollevare carichi importanti perché non vuole vedersi “grossa”.

 

Cerchiamo di capire perché sotto certi aspetti questo pensiero sia infondato, ma sotto un altro punto di  vista possieda effettivamente una logica, evidenziando l’importanza per una donna di affidarsi ad un professionista per affrontare al meglio il suo percorso in sala pesi

 

Modulando correttamente i parametri allenanti, l’allenamento in sala pesi potrà determinare un miglioramento della composizione corporea, ovvero un decremento di tessuto adiposo e un aumento di massa muscolare.

 

Quest’ultimo non avverrà assolutamente in modo improvviso ed eccessivo: l’ipertrofia è infatti un processo molto lento che per la donna è maggiormente sfavorito rispetto all’uomo in virtù del suo pull ormonale

 

Come mai allora, spesso all’inizio del percorso di allenamento alcune donne possono vedersi più gonfie nella parte inferiore?

Iniziamo con il dire chè è una fase passeggera, ed è causato da uno stato infiammatorio che può essere piu o meno accentuato.

La natura fisiologica di tale fenomeno non riguarda la componente strutturale “del muscolo”, bensì consiste in uno squilibrio tra la componente liquida interna ed esterna cellulare che andrà a propendere per quest ultima.

 

 

Ne deriva quindi che questo gonfiore sia solo temporaneo e non debba destare alcuna preoccupazione, ma anzi rappresenti il presupposto necessario per il miglioramento della composizione corporea

 

Per ottenere risultati occorre investire, accettando in alcuni periodi di vederci meno estetiche ma concentrandoci piuttosto sui progressi in sala pesi. In questo modo, il percorso potrà essere vissuto in modo positivo e soprattutto potrà portarci molta soddisfazione

PARTE DUE

Nella donna, gli arti inferiori rappresentino un punto piuttosto critico nell’allenamento con i pesi.

 

Infatti, sono soggetti molto spesso ad infiammazione e ritenzione dei liquidi apparendo frequentemente gonfi, motivo per cui le donne possiedono un certo timore ad allenarsi con sovraccarichi.

 

Tale fenomeno è del tutto normale, tuttavia può essere esacerbato da diversi fattori.

 

Ad esempio, se la donna non si è mai allenata in palestra dovrebbe cominciare gradualmente, per evitare di scatenare un processo infiammatorio consistente a livello delle gambe. Le metodiche di lavoro possono essere svariate e sono diverse di soggetto in soggetto. Sicuramente, affidarsi ad un professionista che sappia impostare la routine di allenamento correttamente è la scelta più saggia

 

Altri fattori che peggiorano la ritenzione e l’infiammazione negli arti inferiori sono riscontrabili nella vita di tutti i giorni, come lo stare ferme in piedi o sedute per molto tempo, avere abitudini alimentari malsane o un’idratazione insufficiente, essere tanto stressate e quant’altro.

 

In questo caso, sarà opportuno cercare di migliorare le nostre abitudini anche al di fuori della sala pesi e cercare di ridurre il più possibile lo stress

 

Tornando all’allenamento, occorre comprendere che se si segue un programma ben impostato con impegno e costanza, l’infiammazione tenderà a diminuire nel tempo, perché il corpo si abituerà agli stimoli allenanti somministrati. Nondimeno, avverranno dei miglioramenti nella composizione corporea e una progressione dei carichi

 

Come detto in precedenza, la corretta gestione delle svariate variabili che entrano in gioco quando si parla di composizione corporea, come l’alimentazione e lo stress, risulta fondamentale per cui sarebbe opportuno averne cura

 

L’obiettivo della donna non dovrebbe essere quello di migliorare la composizione corporea solo al fine di essere più estetica, ma per essere più forte e ed in salute per la vita di tutti i giorni.

PARTE 3

Nel precedente paragrafo abbiamo parlato di alcuni fattori che peggiorano la ritenzione idrica e l’infiammazione negli arti inferiori della donna, zona critica quando si parla di allenamento con i pesi

 

Infatti, un carico di lavoro eccessivo a livello di questi ultimi, soprattutto in termini di volume e frequenza settimanali, può scatenare un consistente processo infiammatorio, con accumulo di liquidi nel compartimento extracellulare e sensazione di pesantezza e gonfiore alle gambe.

 

Consentire il riposo e il recupero tra un allenamento e l’altro è fondamentale, ecco perché volume e frequenza settimanali devono essere modulati correttamente, con un carico di lavoro totale che si deve basare anche sull’anzianità dell’allenamento del soggetto e sulla sua condizione specifica

 

Alcune donne sono infatti geneticamente più portate a sviluppare ritenzione ed infiammazione rispetto ad altre, anche se i fattori non genetici, ossia legati allo stile di vita, siano determinanti per scatenare tali fenomeni

 

Per quanto concerne l’allenamento, una metodica di lavoro utile in caso di problemi circolatori e ritenzione negli arti inferiori consiste nello stimolare gruppi muscolari lontani tra di loro, con un ordine tale da indirizzare il flusso sanguigno verso l’alto, stimolando prima la parte inferiore del corpo e successivamente quella superiore.

 

Come affermato nel precedente paragrafo, è necessario somministrare il lavoro gradualmente, in modo tale che l’infiammazione scatenata dall’allenamento non sia esagerata e il corpo abbia il tempo di abituarsi agli stimoli.

In ultimo, una dura verità: per migliorare la composizione corporea, diventando forti e toniche, occorre impegno, costanza e fatica. Non è un percorso breve, non è un percorso facile. Ma è la nostra possibilità di migliorare. Dunque, sta a noi stesse dimostrare di esserne capaci.

Articolo di Emma Tognon, Trainer Be Aktive